Agnes BLANNBEKIN (c.1244-1315)

Era figlia di contadini, probabilmente del villaggio di Plambach (vicino a Vienna). Poteva leggere ma non scrivere. Andò a vivere a Vienna, una città che riuniva molte beghine. Come altre di loro dallo spirito libero, Agnès si muoveva liberamente per Vienna, facendo pausa più volte al giorno per pregare nei santuari e partecipare alla messa in diverse chiese. Una delle sue pratiche devozionali era quella, dopo aver assistito alla messa (e il sacerdote era partito), di avvicinarsi all’ altare, un atto proibito alle donne in epoca medievale, e di baciarlo con una grande emozione, a volte, persino di ballare attorno ad esso.
Agnes è stata a volte ridicolizzata per il suo comportamento apparentemente strano. Ad esempio, un giorno un testimone la vide inchinarsi davanti a una finestra del seminterrato. I suoi detrattori in seguito hanno scoperto che un’ostia rubata era nascosta nella stanza del seminterrato. Il suo biografo ha attribuito il suo comportamento alla conoscenza divina: Agnese aveva intuito che Cristo era presente nell’ostia consacrata. Vita e Revelationes, la Vita e le Rivelazioni di Agnes, furono compilate da un confessore anonimo prima di essere poi trascritte dal monaco Ermenrich e successivamente pubblicate nel 1731 come Venerabilis Agnetis Blannbekin.
Agnes era ardente nel castigare le compagne beghine di cui considerava l’osservanza religiosa lassista, così come suore e sacerdoti dal comportamento inappropriato. Il suo confessore la riconosce come una delle sue maestre, sia per le sue intuizioni spirituali che per la sua raffinatezza teologica. Molte delle sue visioni includono monaci, donne e Gesù nella loro nudità e sono caratterizzati da un forte erotismo.

Gli studiosi moderni sono divisi sui temi e sui messaggi di Blannbekin. La maggior parte dei pareri adotta un punto di vista ginocentrico, ad esempio analizzare le immagini erotiche di Cristo nei termini della critica femminista… quando la terza ondata del femminismo dei primi anni ’90 ha reintrodotto la positività sessuale e la “Vita e Rivelazioni” di Blannbekin sono tornate sotto i riflettori del medioevo, il suo lavoro ha ottenuto un notevole sostegno. Prima di questo, l’erotismo mescolato alle rivelazioni cristiane veniva trattato con disprezzo. Inoltre, i critici moderni sono sempre più preoccupati di spiegare il pregiudizio (sebbene standard per l’epoca) presente nel suo lavoro verso omosessuali, lebbrosi, Ebrei e persone di colore. Benché questa sia una tara sull’universalità del lavoro di Blannbekin, costituisce un’opportunità per gli studiosi della spiritualità delle donne di scrutare la vita di una beghina “strana” che tratta argomenti di interesse comune nel misticismo medievale” (Wikipedia.org)

(Fonti: Laura Swam, The winsdom of beguines, p.42 e wikipedia)